(in rosa) hai lottato

Hai lottato, per anni; con le parole, altre volte con i soli sguardi ed i silenzi (e noi donne sappiamo quanto un silenzio dica, molto più delle parole che  che abbiamo deciso di tacere).

Hai lottato con una strana sensazione, quella di esser fuori posto e di non aver stabilito i tuoi confini e di non averli doverosamente comunicati al mondo.

Hai lottato, e la lotta te la sei portata nell’armadio, nei cassetti della biancheria, nell’arredo della casa e nel beauty.

Un desiderio di voler esser differente, l’odio verso gli stereotipi soprattutto quelli sul sesso debole che poi è proprio il genere al quale appartiene anche se, da dentro, tutto ti sembra tranne che debole.

Hai cercato il nero, rassicurante e sempre adatto, ti sei lasciata andare al blu con lo spirito di una vera e propria rivoluzionaria.

Hai cercato il minimalismo, a volte lo hai anche trovato; la semplicità ed spesso, l’anonimato.

Hai cercato, hai lottato ed alcune volte hai anche vinto; hai anche trovato perché quando ti ci metti a te chi ti ferma.

Hai vinto, hai trovato ma contenta non lo sei.

Le candeline da spegnere aumentano, i bilanci anche e i ricordi si fanno sempre più densi, fitti a volte torbidi altre cristallini.

Diventi grande ed hai accumulato vita -perché crescere, alla fine, questo vorrà significare-.

Ma poi hai capito ed in quella pelle ormai non ti trovi più.

Ed ora sei grande e certe cose puoi iniziare a dirtele anche a te stessa, addirittura ad alta voce senza limitarti solo a pensarle.

A te piace il rosa, non sei minimale.

A te piace il rosa, non sei minimale, ami gli strass e tutto ciò che “brilla”.

Impazzisci per una gonna a ruota una camicetta di seta avorio ed un filo di perle indossate con il rossetto rosa.

Vuoi i capelli lunghi perché vuoi un luogo che accolga le tue mani quando nervosamente si agitano e qualche cosa che copra le lacrime perché piangi, ancora, probabilmente più di prima .

Ti piace il rosa, vorresti indossare una tiara senza motivo, poter essere capricciosa, avere certe volte quell’aria altezzosa ed arricciare il naso con fare da principessa che spesso invidi alla altre.

Hai lottato, hai cercato, hai vinto ed hai trovato ma, probabilmente, hai anche smarrito la tua adolescenza in tutto ciò, il tuo esser bimba fragile, il tuo esser ragazzina lunatica e questo solo perché non te lo sei voluta concedere.

Ora che hai vinto, ora che hai trovato puoi, anche se le gambe sono pesanti ed i passi più lenti, capire che devi ricominciare a lottare ed a cercare e questa volta te stessa e per te stessa.

Per iniziare basta poco: ti piace il rosa, ammettilo.

Alcune dicono che dopo il rosa è tutto in discesa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

(Per le foto: frenchfrosting)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *